Reactions to the French Revolution Richard Cobb

ISBN: 9780192121875

Published: April 1st 1985

Hardcover

322 pages


Description

Reactions to the French Revolution  by  Richard Cobb

Reactions to the French Revolution by Richard Cobb
April 1st 1985 | Hardcover | PDF, EPUB, FB2, DjVu, talking book, mp3, RTF | 322 pages | ISBN: 9780192121875 | 4.55 Mb

Richard Cobb appartiene alla specie rara e preziosa degli storici-scrittori, come Michelet o Burckhardt. Così è stato definito una volta «il Goya del nostro mestiere». Impaziente e beffardo verso ogni gabbia ideologica, instancabile scavatore diMoreRichard Cobb appartiene alla specie rara e preziosa degli storici-scrittori, come Michelet o Burckhardt.

Così è stato definito una volta «il Goya del nostro mestiere». Impaziente e beffardo verso ogni gabbia ideologica, instancabile scavatore di archivi, Cobb ha mirato in tutta la sua opera – e mai così chiaramente come in questo libro – a scrivere una storia pullulante di storie, una storia che mostri come i Grandi Eventi irrompano nella vita dei singoli o da questi vengano elusi o respinti. Il suo orecchio pretende ancora di percepire le discordanti pulsazioni dei calendari privati sotto l’opprimente «grande ala della storia».

Unendo sarcasmo e senso pratico, Cobb spiega già nelle prime righe di questo libro perché si è sentito attratto dalle vicende del Controterrore: «Gli storici dell’individualità, oltre che quelli della bizzarria e dell’eccentricità estrema, si troveranno molto meglio a trattare il Controterrore che non il Terrore burocratico dell’estate 1794. Qui almeno non c’è un grigio concetto di unanimità, non c’è un modello fisso, non c’è l’aspirazione a un’indivisibilità destinata a sommergere tutti i traits personali nell’affettazione irreggimentata della Repubblica delle Virtù o nel totalitarismo militare dell’odiosa Sparta di cartapesta auspicata da Saint-Just.

Si potrebbe dire che ci furono tanti controterrori quanti controterroristi, e per motivi quasi altrettanto numerosi: motivi personali, regionali, viscerali, rispettabili, criminali o tribali». In filigrana, fra queste righe, il lettore di Cobb ricorderà allora altre righe, memorabili, dove questo selvatico nemico del metodo ha raccontato una volta come nacque la sua vocazione di storico. Questa si formò, secondo Cobb, quando da bambino accompagnava un suo zio medico che per mestiere era tenuto a metter piede in tante case, quindi in tanti mondi paralleli: «Per tutta la mia vita ho sentito una spinta quasi ossessiva a mettere il mio piede nella porta, ad andar dietro la facciata, a entrar dentro.

Dopo tutto, il fatto di essere, o diventare, uno storico ruota soprattutto intorno a questo – a questo desiderio di leggere le lettere degli altri, di irrompere nella loro vita privata, di penetrare nella stanza segreta». Come si vede, più che la fiacca definizione di «storico delle mentalità» a Cobb si potrebbe applicare quella, da lui stesso usata, di «storico dell’individualità». Dopo l’insana proliferazione di chiacchiere e trinciamenti di giudizi sulla Rivoluzione francese in occasione del bicentenario, tanto più salutare apparirà tuffarsi nelle pagine di questo libro per capire come respirarono, come approfittarono, come patirono tanti testimoni e attori di quegli anni fatali.

Come ha scritto Robert Darnton a proposito di tutta l’opera di Cobb: «Insistendo continuamente sulla complessità del passato, la sua opera spicca come un monito contro i tentativi di piegare la storia per adattarla entro strutture sociali prefabbricate». Reazioni alla Rivoluzione francese è stato pubblicato, per la prima volta, nel 1972.



Enter the sum





Related Archive Books



Related Books


Comments

Comments for "Reactions to the French Revolution":


jakzwiekszycwzrost.pl

©2008-2015 | DMCA | Contact us